Installazione Nano Server Windows Server 2016

L’installazione del Nano Server non può essere eseguita direttamente dal media di installazione di Windows Server 2016. I file richiesti per l’installazione sono situati nella directory radice del media di installazione delle edizioni Standard e Datacenter di Windows Server 2016, nel folder “NanoServer” Nano server può essere installato utilizzando i seguenti tre metodi:

  • Costruendo una Virtual Machine eseguita su un host Hyper-V
  • Eseguendo il boot di un disco virtuale VHD da un computer fisico
  • Installando un immagine WIM su un computer fisico

Primi step:

  • Copiare la cartella “NanoServerImageGenerator” dalla cartella “NanoServer” contenuta nel media di installazione su una cartella locale del vostro computer
  • Eseguire come amministratore una sessione di PowerShell e collocarsi nel path della cartella appena copiata
  • Importare i moduli di PowerShell necessari alle esecuzioni delle operazioni tramite il comando:
Import-Module .NanoServerImageGenerator

Ora è il momento di creare il VHD che servirà per ciascuno dei tre metodi di installazione descritti sopra. Eseguire il seguente comando:

New-NanoServerImage -Edition  -DeploymentType  -MediaPath  -BasePath  -TargetPath  -ComputerName  -Package  -

Dove:

Edition – Il tipo di edizione di Windows Server 2016 sulla quale si baserà la costruzione dell’immagine NanoServer. Può essere standard o datacenter

DeploymentType – La modalità di installazione che verrà utilizzata. Host se utilizzeremo un computer fisico per l’installazione e produrremo un WIM oppure eseguiremo un boot da VHD; Guest se utilizzeremo una macchina virtuale in Hyper-V per l’esecuzione del nostro NanoServer

MediaPath – Il percorso radice del media di installazione contenente l’edizione di Windows Server 2016

BasePath (opzionale) – Questo indica il percorso nel caso si vada a generare un file immagine NanoServer di tipo WIM. Il file verrà salvato in questa posizione

TargetPath – Il percorso ed il nome del file di destinazione per la creazione dell’immagine finale. Il nome del file deve contenere anche l’estensione che può essere di tipo .vhd per una virtual machine

ComputerName – Il nome computer della macchina virtuale

NanoServer Packages – Questo switch è utilizzato per specificare quali ruoli o funzionalità installeremo sulla macchina NanoServer. Per un elenco dettagliato potete consultare questo articolo

– Se necessario, inserire altri parametri eventualmente necessari a ruoli e funzionalità, come ad esempio il fondamentale parametro -OEMDrivers praticamente necessario in caso di installazione su computer fisico. Eseguendo il comando, verranno richiesti nome account e password che saranno assegnati alla macchina.

Successivi metodi di Deploy:

Una volta generato il file di disco virtuale o di immagine installazione, si potrà procedere all’effettiva messa in linea della macchina con uno dei seguenti metodi come accennato ad inizio articolo:

Virtual Machine eseguita su host Hyper-V
Creare una nuova macchina virtuale utilizzando gli strumenti a disposizione (Hyper-V console, Cluster Manager for Hyper-V Virtual Machines, System Center Virtual Machine Manager) agganciando il file VHD o VHDX generato in precedenza. Eseguire la macchina virtuale ed autenticarsi con le credenziali fornite in precedenza al comando di PowerShell sulla Recovery Console. Esaminare la configurazione di rete e prendere nota dell’indirizzo IP. Gestire la macchina virtuale NanoServer collegandosi con gli strumenti di amministrazione remota.

Boot di un disco virtuale VHD da un computer fisico
Accedere con privilegi amministrativi al computer fisico. Copiare il file VHD o VHDX generato in precedenza sul disco locale del computer fisico in una cartella di vostra scelta. Montare il file di disco virtuale e prendere nota della lettera assegnata al nuovo volume del disco appena montato. Eseguire il comando bcdboot:

bcdboot :windows

(dove corrisponde alla lettera di volume appena citata sopra) Smontare il disco VHD o VHDX e riavviare il computer fisico con l’opzione di installazione di Windows Server 2016 NanoServer

Installare un immagine WIM su un computer fisico
Eseguire il boot della macchina fisica di destinazione con un’istanza di WinPE. Assicurarsi che il file con estensione .wim possa essere individuato dal WinPE. Utilizzare diskpart.exe per preparare il disco fisico di installazione con le partizioni desiderate. Applicare poi l’immagine dell’installazione utilizzando i set di comandi dism.exe. Riavviare il computer.

E’ disponibile a questo link un tool di Microsoft per gestire direttamente la creazione delle immagini NanoServer con interfaccia grafica. Per approfondirne l’utilizzo, cliccare qui.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.